Questi sono i tessuti alleati delle aziende di moda sostenibile

Tessuti sostenibili

Sempre più di noi prestano attenzione a questo concetto di sostenibilità sentiamo tanto parlare di oggi. Un concetto che sempre più aziende di moda abbracciano ma che non sempre si concretizza in tutti quei punti che sono fondamentali per sostenerlo: condizioni di lavoro eque per i propri dipendenti, produzione locale e utilizzo di tessuti sostenibili.

Quanto a tessuti alleati con aziende di moda sostenibile c'è un intero dibattito. Tendiamo a pensare che i tessuti naturali siano sempre sostenibili e, al contrario, quelli artificiali mai. Ma non tutto è bianco o nero. Ti invitiamo a conoscere i più popolari, quelli che possono essere battezzati come sostenibili senza scrupoli.

Cotone organico e riciclato

Il cotone è uno dei tessuti più utilizzati nell'industria tessile. Rappresenta, infatti, quasi la metà del genere utilizzato in questo settore. Tuttavia, è una delle colture che richiede più acqua e prodotti agrochimici. Questo non è il caso del cotone biologico, che Ha la sua origine nell'agricoltura biologica.

Certificato GOTS

Questi agrofarmaci, tra i quali hanno una grande presenza pesticidi ed erbicidi, vengono eliminati nella coltura del cotone biologico dal processo produttivo. Un cotone che puoi riconoscere grazie al Certificazione GOTS (Global Organic Textile Standard), che garantisce, da un lato, l'attenzione all'ambiente lungo tutta la filiera del tessile biologico e, dall'altro, il rispetto dei criteri sociali.

Ma non è l'unica alternativa sostenibile. Cotone riciclato proveniente da cascami di cotone post-industriali e post-consumo, è un tessuto sostenibile e rispettoso in tutti i suoi processi. E ha le stesse qualità del cotone biologico.

Lino biologico

Il lino, la cui coltivazione risale all'antico Egitto (IV secolo aC), è una fibra naturale che richiede una quantità minima di acqua e pesticidi per crescere. Prodotto dal gambo di lino o semi di lino (Linum usitatissimum), è un fibra naturale biodegradabile (quando non macchiato con prodotti chimici), sostenibile e molto versatile. È molto apprezzato in estate, nonostante la sua facilità di raggrinzimento, poiché trasmette una grande sensazione di freschezza.

Lino biologico

Canapa

Fatto di Stelo della pianta di cannabis, La canapa è un tessuto morbido (più morbido più lo si lava) spesso paragonato al lino. La pianta non richiede molta acqua per la sua coltivazione e i pesticidi non sono necessari per il suo corretto sviluppo, quindi è considerata un'alternativa sostenibile. Resistente, ci aiuta a stare al caldo d'inverno e al fresco d'estate.

Tessuti sostenibili: canapa

Tencel, lyoncell, cupro, modal...

Sono tutte fibre di origine naturale creato dall'uomo. Sono considerati sostenibili perché trattati chimicamente in circuiti chiusi. In questo modo il solvente -acqua- può essere riutilizzato in seguito per altri usi, riducendo i rifiuti pericolosi.

Bamboo, Viscosa

Il tencel o lyocell è una fibra sintetica ricavata dal pasta di legno da alberi da agricoltura sostenibile. Grazie al suo tocco e alla sua leggerezza, è un materiale perfetto per realizzare capi. Ha anche una buona traspirabilità che lo rende un tessuto ideale per il controllo batterico. Caratteristiche simili si ritrovano nel cupro o nel tessuto modal, anch'esso proveniente dalla cellulosa.

Piñatex

Piñatex è una pelle vegetale fatta di residui di fibre di foglie di ananas. È naturale, sostenibile e un'alternativa vegana alla pelle. E poiché è costituito da un sottoprodotto alimentare, riduce gli sprechi. Un'opzione che sta crescendo come la schiuma.

Tessuti sostenibili: Piñatex

Potresti essere stato sorpreso di non trovare qui il tessuti di plastica riciclata. All'interno di questo tipo di tessuto abbiamo diverse origini: bottiglie di plastica, reti da pesca, rifiuti di plastica del mare, ecc. Contribuiscono, ovviamente, a dare un uso a questi residui ma alla fine della loro vita impiegano molto tempo a degradarsi, quindi dopo averlo considerato abbiamo ritenuto opportuno non includerli.

Sapevi che tutti questi tessuti sono legati alle aziende di moda sostenibile?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.